stai leggendo..
andream, Politica

CONSIGLIO COMUNALE – 12 OTTOBRE 2010 – MOZIONE PD SULLA SCUOLA IN SARDEGNA E LA RICHIESTA DELLO STATO DI CALAMITA’ NATURALE

Il consiglio comunale di Quartu Sant’Elena ricorda i quattro militari caduti in Afghanistan. Inizia così la seconda assise comunale del mese di ottobre. Tra i punti all’ordine del giorno la mozione del gruppo PD in consiglio comunale sulla situazione della scuola sarda e l’elaborazione di un documento sullo stato di calamità naturale nelle zone colpite dalle forti piogge del 10 e del 12 ottobre che hanno interessato soprattutto la zona di Capitana.

Nelle comunicazioni e raccomandazioni, le scuse del consigliere PD Secci all’assessore Caput in riferimento al diverbio durante la precedente seduta e la richiesta alla presidenza di recapitare i verbali delle commissioni ai singoli consiglieri. Anche il consigliere PD Francesco Piludu, si rivolge alla presidenza facendo presente che la bandiera dalla Sardegna, a mezz’asta come tutte le bandiere negli uffici pubblici è stata messa al contrario e questo comporterebbe una sanzione di dieci mila euro per il comune. Piccoli cavilli burocratici.

<<Torno qui>>. Così parlò Lucio Torru. Il consigliere più votato nelle ultime elezioni amministrative, riprende tutti i suoi incarichi e si rimette alla volontà della maggioranza e del suo partito. <<Le ragioni della crisi politica nazionale mi fanno dire che anche il mio partito è in crisi e il PdL si trova come la temperatura di Bolzano a fine dicembre: non pervenuta>>. Torru ha ricordato per l’ennesima volta alla sua maggioranza di dare maggior risalto alle iniziative di questa amministrazione per non disattendere le richieste dei cittadini e il consenso che gli è stato riconosciuto.

Il sindaco Contini, che lunedì, insieme all’assessore all’Ambiente Fortunato Di Cesare e alcuni tecnici del comune, aveva fatto un sopralluogo nei territori colpiti dall’alluvione, chiede una sospensione del lavori per elaborare, di concerto con i capigruppo un documento per la richiesta di stato di calamità naturale.

Al ritorno in aula, vengono approvati i due verbali riferenti due consigli comunali, del 28 e del 29 settembre 2010, con 26 voti favorevoli e due astenuti.

Si passa al secondo punto all’ordine del giorno: la mozione del gruppo PD sulla condizione della scuola sarda, dopo i tagli della riforma Gelmini. Ad illustrarla ci pensa Rita Murgioni: <<Essere bambini oggi è davvero difficile, soprattutto per le condizioni nella quale versa la nostra scuola. Ci stiamo dimenticando che la scuola è il vero valore della cultura. Davanti a noi ci si prospetta un anno scolastico disastroso: aule senza alcuna sicurezza, scarse norme di sicurezza, un aumento dei costi per le scuole. Presentiamo questa mozione perché è nostro dovere difendere la scuola pubblica.>>. Murgioni denuncia i tagli netti alla scuola:<<Vogliono far passare i tagli come una riforma ma sappiamo bene che l’istruzione e i finanziamenti pubblici alla scuola dovrebbero essere la prima voce di bilancio in un paese come il nostro>>. Precari, tagli, scuola come un diritto per tutti, senza alcun privilegiato. <<Non possiamo assistere inermi allo sfaldamento della scuola statale>>. <<Con questa mozione chiediamo che il sindaco si faccia portavoce con il Governatore Cappellacci e con il nuovo assessore regionale all’Istruzione, Sergio Milia, della condizione in cui versano le scuole della città. Chiudo citando uno dei nostri costituenti, Pietro Calamandrei: E’ più facile governare in un paese di ignoranti>>

Pronta la risposta dell’assessore alla Pubblica Istruzione, Antonella Pirastu. L’assessore ricorda tutti i provvedimenti che l’amministrazione ha messo in atto per sopperire ai tagli del ministero e ha poi elencato i numeri della scuola cittadina, numeri davvero importanti: 1100 bambini nelle scuole materne, 2900 bambini nelle scuole primarie, 1900 ragazzi nelle scuole secondarie di primo grado e 1965 ragazzi nelle scuole secondarie di secondo grado. Tra tutti questi settemila ragazzi, ben 2081 usufruiscono del servizio mensa. <<Serve con confronto con gli enti locali e una concertazione per il riconoscimento della specificità della Sardegna nella lotta contro la dispersione scolastica e per il sostegno degli studenti disagiati>>. <<E’ opportuno evitare sterili polemiche, servono maggiori finanziamenti>>, ha poi concluso l’assessore.

Dopo l’intervento della Pirastu, quelli dei due consiglieri più giovani, Stefano Busonera e Francesco Piludu entrambi del Partito Democratico. Busonera ha parlato della condizione degli studenti universitari, di un risparmio sulla scuola pubblica per scelte irrealizzabili: <<13 miliardi di Euro utilizzati per l’acquisto di aerei caccia>>. <<Tagli su tutte i supplenti per periodi brevi e l’imposizione dell’utilizzo di strumenti multimendiali, senza l’adeguato numero di aule, di tecnici e sopratutto di strumenti da poter utilizzare>>. Piludu invece ricorda che della scuola si ha sempre una visione poetica: <<tra Venditti, la notte prima degli esami e i banchi di scuola>>, poi cita un intervista del Presidente della Camera, Gianfranco Fini, sul tema della scuola, gli Obiettivi europa 2020, che prevedono che l’Italia debba dimezzare il tasso di dispersione scolastica che in Sardegna è del 40%. <<L’ Ing, Gessa (tecnico del comune, ndr) stima i quaranta istituti scolastici quartesi per un valore di 80 milioni di Euro. Con la nuova riforma Gelmini, si va verso la nascita di una Scuola SpA, nella quale, tutti gli istituti sul territorio nazionale passerebbero direttamente al patrimonio dello Stato per un valore di sette miliardi di Euro e con un gravissimo danno per tutti i comuni>>.

Intervengono anche i consiglieri UdC, Boi, Pani e Melis. Boi ripropone l’idea del suo partito, quella del bonus per la scuola. Pani concentra la sua attenzione sulla situazione cittadina mentre sulla situazione nazionale: <<Il voto di fiducia del governo sulla riforma Gelmini è stato un atto di forza, senza alcuna discussione sugli aspetti economici. Questi tagli mettono in discussione l’intero sistema pubblico>>

Per Marini (Riformatori), la scuola è un bene che deve essere garantito a tutti ma oggi per il debito pubblico nazionale, si devono limitare le spese. <<L’Italia spende poco per l’istruzione. Secondo l’Ocse, il 4,5% del prodotto interno lordo agli ultimi posti per Pil destinato all’istruzione. Di questo 4% Il 95% viene utilizzato per pagare gli stipendi. Sulla scuola c’è stata una eccessiva strumentalizzazione. Dobbiamo trovare un sistema. Proviamo a modificare il nostro rapporto con il territorio. La Regione deve riconoscere la specificità della nostra città>>.

Partecipano alla discussione anche Secci (PD) e Torru (PdL).

La mozione viene votata con 10 voti a favore, tutto il centrosinistra e 16 astenuti.

Votata all’unanimità la richiesta dello stato di calamità naturale.

Andrea Matta

Quartu, 13 ottobre 2010

(Per la pubblicazione di questo post su altri siti internet, su blog o su altri media, si prega di citare la fonte.   Grazie, Andrea Matta)

Municipio Quartu Sant’Elena – Foto di Andrea Matta


Annunci

Informazioni su andreamatta23

Il blog di uno studente universitario, di uno speaker radiofonico, di un comico-giornalista in rampa di lancio e di tanto altro.. in attesa di capire il suo destino

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

@AndreaMatta23 – Studente, speaker @RadioGolfo, web writer,attore, comico, scout, volontario

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: