stai leggendo..
andream, Politica

A QUARTU LA SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI

Il Comune di Quartu Sant’Elena si candida a diventare comune capofila con alcune importanti iniziative in difesa dell’ambiente. Si parte con la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, promossa dall’Unione Europea, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e di tante associazioni nel territorio italiano. L’iniziativa è stata presentata nell’aula consiliare, dal Sindaco Mauro Contini: <<L’amministrazione e la giunta fanno un buon gioco di squadra, soprattutto in queste battaglie in difesa dell’ambiente. Il compostaggio a uso domestico non sarà obbligatorio per il cittadino, ma potrà dare diritto ad uno sgravio sulla tassa dei rifiuti anche se dobbiamo attendere l’esame del Regolamento sul compostaggio domestico che definirà le procedure.>>.

Il compostaggio domestico, una procedura che utilizza la frazione organica dei rifiuti solidi urbani è una pratica che consente a famiglie e scuole di trasformare i rifiuti organici e gli scarti di giardino in appositi contenitori, detti composter, isolati dall’ambiente esterno e ollocati in un’area verde e contatto con il suolo. Il processo favorito dall’ossigenazione viene svolto da microrganismi, batteri, muffe e da altri organismi decompositori. Le azioni della Settimana Europea saranno ispirate a cinque tematiche principali: i troppi rifiuti, la produzione eco-compatibile, i consumi attenti e responsabili, la vita più lunga dei prodotti e meno rifiuti gettati via. Gli obiettivi della Settimana sono, tra gli altri: la promozione di azioni per la riduzione dei rifiuti in tutta Europa, il mettere in evidenza esempi virtuosi di riduzione dei rifiuti

Alla presentazione, presenti anche l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Antonella Pirastu, l’Assessore all’Ambiente, Fortunato di Cesare, la Presidente del Consiglio Comunale, Franca Mazzuzzi. <<Per la nostra città, è importante partecipare a questa manifestazione. Queste iniziative servono a noi adulti e anche ai bambini e ai giovani, per questo abbiamo ritenuto importante la partecipazione delle scuole a questo progetto>>, ha detto l’Assessore Pirastu. Due sono le scuole che parteciperanno attivamente alla Settimana Europea, la Scuola Media “Lao Silesu” in via Perdalonga e la scuola media di via Is Pardinas. Mercoledì 24 novembre, nel plesso scolastico di via Perdalonga, ci saranno alcune azioni dimostrative sul compostaggio dei rifiuti organici e una dimostrazione pratica sull’allestimento di un cumulo per la compostiera, sarà distribuito del materiale informativo e si procederà alla consegna delle compostiere. L’allestimento sarà ripetuto, Sabato 27 novembre nel plesso di via Is Pardinas. Da segnalare, Giovedi 25 novembre un workshop sulle caratteristiche di conpostabilità dei sacchetti per la raccolta differenziata della frazione umida in previsione del divieto dell’uso dei sacchetti di plastica in Italia a partire dal 1° gennaio 2011.

Presenti alla conferenza anche alcuni membri della commissione consiliare  Ambiente e Servizi Tecnologici, che Lunedi 22 novembre, discuteranno il Regolamento comunale sul compostaggio domestico: <<Dobbiamo cominciare con piccoli passi>>, così, il consigliere dell’Italia dei Valori, Gigi Serra che ha poi continuato:<<Quartu si deve fare capofila di queste e di altre iniziative sull’ambiente e sugli aspetti del sistema educativo per l’energia alternativa anche attraverso il risparmio energetico.>> La tematica della green economy è stata portata in consiglio comunale, proprio grazie ad una interrogazione del consigliere dell’IdV. Per Pino Boi, consigliere dell’UdC, il dato nazionale sul compostaggio domestico, stima in un compost di 600 chilogrammi all’anno per una famiglia media di tre persone. All’iniziativa parteciperanno anche le associazioni Fare Verde e Ottolettere.

Il Sindaco ribadisce: <<Servono attività e sinergie per il risparmio e la riduzione dei rifiuti>> Contini parla anche della riapertura dell’Ecocentro, chiuso ormai da qualche mese con gravi disagi per i cittadini quartesi: <<Stiamo aspettando alcuni autorizzazioni della ditta che ha in appalto il servizio. Possiamo dire che l’apertura del nuovo Ecocentro avverrà all’inizio del 2011 in contemporanea con la creazione di mini aree per lo smaltimento dei rifiuti pesanti collocati in alcuni punti della città>>.

Un ritorno al passato, ai mezzi di una volta, per una città che grazie all’ottima raccolta differenziata raggiunge ogni anno le premialità del Ministero dell’Ambiente e con uno sguardo ad una iniziativa che mette Quartu all’avanguardia sulle politiche ambientali.

Andrea Matta
Quartu, 19 novembre 2010

(Per la pubblicazione di questo post su altri siti internet, su blog o su altri media, si prega di citare la fonte.   Grazie, Andrea Matta)

Composter per la città di Quartu - Foto da Facebook

Annunci

Informazioni su andreamatta23

Il blog di uno studente universitario, di uno speaker radiofonico, di un comico-giornalista in rampa di lancio e di tanto altro.. in attesa di capire il suo destino

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: