stai leggendo..
andream, Attualità, Politica

QUARTU, CONSIGLIO COMUNALE SOLENNE PER 150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA

Un consiglio comunale per celebrare i 150 anni dell’unità del nostro paese. Questa è stata la scelta dell’amministrazione comunale quartese per il compleanno dell’Italia. La convocazione del consiglio, è una delle manifestazioni più importanti nel calendario degli eventi, messo a punto dal Comune e dalla Prefettura di Cagliari.

I tre colori della bandiera italiana sono ovunque. Sulla barriera che delimita gli spalti dall’emiciclo, nelle coccarde indossate dai consiglieri comunali e dalle alte cariche civili presenti nell’aula gremita di cittadini e associazioni di volontariato.

La seduta si apre con minuto di silenzio per le vittime dello tzunami in Giappone, chiesto dalla Presidente dell’assemblea, Francesca Mazzuzzi.

Prima di iniziare la seduta, la Corale Polifonica Quartese esegue l’Inno di Mameli.

La Presidente, dopo aver salutato tutte le autorità presenti in aula, ricorda l’Unità d’Italia e le personalità quartesi che hanno partecipato a questo evento storico. Tra questi anche Efisio Orrù, patriota cittadino, che ha combattuto le guerre di indipendenza e che sarà ricordato con una lapide commemorativa nel cimitero della città.

Don Antonio Tagliaferri, parla a nome dei parroci della città, anche loro presenti in questa assise. <<Devo rendere merito alle amministrazioni comunali per la collaborazione che c’è sempre stata data. La città ha bisogno di tutti noi>> .

Tra le autorità politiche presenti in sala, anche Ignazio Tolu, assessore alle Politiche Ambientali della Provincia di Cagliari, già consigliere comunale a Quartu dal 1995 al 2001. <<L’identità di un paese nasce dalla sua memoria condivisa e mentre oggi festeggiamo questa ricorrenza, una nave con 1800 profughi e bloccata in mare dalle navi della marina militare italiana. C’è la volontà di distruggere l’Italia unità>>. Tolu ricorda il ruolo della Sardegna nel quadro politico del Mediterraneo e che non sempre è stata trattata bene dai politici italiani, e ancora, la necessità di recuperare il lavoro quotidiano di studenti e professori, vero motore per un nuovo risorgimento italiano.

Gaetano Berretta, primo cittadino quartese dal 1991 al 1993, porta il saluto degli ex sindaci della terza città della Sardegna. <<Sono orgoglioso di partecipare a questa manifestazione e con spirito patriottico dico: viva l’Italia, viva l’Italia unità>>.

Presenti in consiglio comunale anche le più alte cariche cittadine della forza pubblica. Il maggiore dei carabinieri di Quartu, Alfredo Saviano, ha ricordato l’impegno delle forze armate impegnate all’estero, con un senso di tranquillità e fortuna per vivere in questo paese. <<Il miglior modo di festeggiare è rinnovare il nostro impegno e il senso di comunità>>. Senso della comunità ribadito anche da Giacinto Mattera, comandante della Polizia di Stato, mentre Marco Virdis, comandante della Polizia Municipale ha ringraziato i cittadini quartesi per aver rinnovato la loro fiducia nei confronti della polizia locale.

Rita Murgioni, esponente del gruppo consigliare del PD e vice presidente del Consiglio Comunale, rende omaggio a tutte le personalità che hanno fatto grande questo paese. <<La festa per i 150 anni, serve per creare una comunità condivisa. L’inno e la bandiera devono riconquistare il ruolo guida nel nostro paese>>. Murgioni ricorda anche il risorgimento invisibile, quello femminile, e le tante donne che hanno fatto la storia dell’Italia: Rita Montessori, Nilde Iotti, Rita Levi Montalcini e Grazia Deledda. <<L’Italia è una e indivisibile. Provo vergogna per chi insegue la divisione del nostro paese. Ricominciamo a percorrere la strada verso l’unità>>.

Il capogruppo del Partito Sardo d’Azione, Federica Angius, incentra il suo intervento sul ruolo delle donne nella formazione del nostro paese. <<Per anni, norme e istituzioni hanno escluso le donne dalla vita politica e la figura femminile è rimasta chiusa nel piccolo mondo domestico>>

<<Siamo diventati un paese adulto, ma non abbiamo perso le nostre radici e le nostra patria>>. Cosi, Martino Sarritzu, capogruppo della lista Centro Giovani, inizia il suo intervento. Secondo Sarritzu, i festeggiamenti possono dare il via a un dibattito collettivo, sul passato e sul presente dell’Italia per guardare al futuro e cita San Francesco, come santo protettore del nostro paese per il suo lavoro svolto volto all’unità, già novecento anni fa.

Nell’intervento del capogruppo dell’IdV, Gigi Serra, c’è spazio per una citazione di Cavour (Abbiamo fatto l’Italia, ora dobbiamo fare gli italiani, ndr). Serra ricorda che il patrimonio culturale è il cuore della nostra nazione e rivolge un pensiero anche i fanti della Brigata Sassari morti durante la Prima guerra mondiale, italiani e sardi. Poi un ricordo per altri personaggi illustri del nostro paese: Pertini, Lussu e Gramsci e sull’importanza del lavoro e i progressi istituzionali, fatti dalle altre generazioni per quelle future.

Dopo l’intervento di Serra, la Corale Polifonica di Quartu, intona l’inno sardo, Hymnu Sardu Nationali.

<<Vorrei onorare gli uomini, le donne e i sentimenti che hanno realizzato l’Italia>>, cosi,Gabriele Marini, capogruppo dei Riformatori che cita anche una lettura di Mazzini, sul progresso dell’umanità collettiva e sull’individuo. <<L’Italia, la Sardegna e la Quartu unita devono ricordare lo spirito e i valori dei nostri padri fondatori>>.

Tocca ad Antonio Pani, capogruppo dell’UdC, ricordare, nei suo intervento, Eligio Porcu, un’altra importantissima figura per la città di Quartu. <<Questa giornata è dedicata al sentimento profondo, all’amore per la nostra patria nel rispetto di quella altrui>>. In tema di patriottismo, Pani, cita la scrittrice Orianna Fallaci e l’introduzione de “La rabbia e l’orgoglio”, scritta poco dopo l’attacco alle Torri Gemelle dell’11 settembre. Pani chiude il suo intervento con un sonetto in sardo “Po is 150 annus de s’Italia unia” che potrete leggere alla fine di questo post.

Prima dell’intervento conclusivo del sindaco, Mauro Contini, c’è spazio per l’ultimo intervento politico, quello del capogruppo del PdL, Roberto Farci che manda il suo pensiero alle vittime dello tzunami in Giappone e alla tragedia dei popolo magrebino. <<Che i 150 anni siano un ricordo per le nuove generazioni e per la riscoperta delle nostre origini. Spesso ci dimentichiamo delle cose buone che fa il nostro paese e festeggiamo il nostro essere italiani solo durante i mondiali di calcio. Possiamo crescere ancora molto>>. Al termine del suo intervento cita un passo di San Paolo: ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la mia fede. Per chiudere con un <<Viva la Repubblica, viva l’Italia>>

<<Per me è una emozione, un privilegio, partecipare come sindaco a questo evento. Ringrazio tutti quelli che hanno voluto onorare questa giornata>>. Cosi, il Sindaco, Mauro Contini. <<Questa ricorrenza ci vede tutti uniti offermarci su questo momento. Siamo uno stato che in 150 anni ha costruito una struttura politica e istituzionale. Siamo un paese unito e coeso con, alla base, il far parte di un unico popolo. Un’Italia che va oltre il nostro paese, con i migranti che si sentono ancora italiani>>. Per Contini <<Quartu, non dimentica la sua storia e i suoi protagonisti. Abbiamo una grande considerazione per la nostra storia locale. Dobbiamo riconoscerci italiani, sardi e quartesi. Viva l’Italia>>.

Viva l’Italia dunque. Don Alfredo Fadda, parroco di Sant’Elena, impartisce la benedizione a tutti i presenti e la Corale Polifonica esegue il “Va Pensiero”.

Termina cosi la celebrazione per i 150 anni del nostro belpaese. Un consiglio comunale partecipato, sia dai consiglieri che dai cittadini che hanno voluto assistere fino alla fine a questa importante seduta.

Tra qualche giorno tutto verrà smontato. I tutte verdi, bianco e rossi, che addobbano il consiglio, torneranno in soffitta ma nella gente resterà l’immagine di una città vicina e presente ai 150 anni della nostra Italia.

Andrea Matta
Quartu, 17 marzo 2011

(Per la pubblicazione di questo post su altri siti internet, su blog o su altri media, si prega di citare la fonte. Grazie, Andrea Matta)

Logo Quartu per i 150 anni dell'Unità d'Italia - Tratto da http://www.comune.quartusantelena.it

Po is 150 annus de s’Italia unia” de Antoni Pani

Mamai ti presentas festosa
a 30 lustrus de su nascimentu,
sa cara portas sempri gratiosa.
Epuru..nd’as connotu de turmentu.

Sa storia ti carinniat spantosa
ca fillus valorusus nd’as tentu
cument’e is alas de sa mariposa
movis tre coloris a su bentu.

Spaciu no asi de sunfriri
ma chini ti stimat no s’arrendit
e gherrat po ti cresci bona fama

E a chini ti bolit pratziri
perdona, poita no cumprendit
It’est s’amori po una mama

Annunci

Informazioni su andreamatta23

Il blog di uno studente universitario, di uno speaker radiofonico, di un comico-giornalista in rampa di lancio e di tanto altro.. in attesa di capire il suo destino

Discussione

Un pensiero su “QUARTU, CONSIGLIO COMUNALE SOLENNE PER 150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA

  1. Ho letto il resoconto della Seduta Straordinaria Del Consiglio Comunale di Quartu, ti ringrazio per aver colmato questo mio vuoto informativo! Sono peraltro felice dell’unità d’intenti del Consiglio che per una volta si è trovato solidale nel ricordare e festeggiare una ricorrenza che ci fà sentire tutti un pò piu’ orgogliosamente ITALIANI!Vorei tanto che questa comunanza,si possa manifestare sempre piu’, nel trovare soluzioni comuni e condivise per i problemi che assillano la nostra Città!!!

    Pubblicato da Nonnis Salvatore | 17 marzo 2011, 16:54

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: