radio

Questo tag è associato a 7 articoli.

Tempi Supplementari – Puntata 20

Le voci e le storie di Marco Piras, allenatore del Muravera, squadra che lotta per salvarsi nell’impegnativo campionato di serie D e di Francesco Garau, responsabile organizzativo dell’Antonianun Basket, società cestistica quartese nella puntata numero 20 di Tempi Supplementari in onda lunedì 7 marzo su Radio Golfo degli Angeli con Laura Puddu e Andrea Matta

Riascolta la puntata sul podcast di radiogolfodegliangeli.it

*** Per la pubblicità su Radio Golfo degli Angeli contattaci allo 070.4615656 ***

Tempi Supplementari – Puntata 18

L’ex giocatore del Cagliari e campione d’Italia con i rossoblu Giuseppe Tomasini; Andrea Loi, Filippo Congiu e Gloria Trabuchi dell’Alfieri Pallavolo Cagliari sono gli ospiti della puntata numero 18 di Tempi Supplementari con Andrea Matta e Laura Puddu andata in onda lunedì 22 febbraio su Radio Golfo degli Angeli.

Riascolta la puntata dal podcast di radiogolfodegliangeli<

Per la pubblicità su Radio Golfo degli Angeli contattaci allo 070.4615656

Tempi Supplementari – Puntata 17

I commenti dopo la vittoria contro il Latina e le interviste a Silvia Farigu e Valentina Cabras pluricampionesse di kick boxing e taekwondo nella puntata numero 17 di Tempi Supplementari su Radio Golfo degli Angeli con Andrea Matta e Laura Puddu in onda lunedì 15 febbraio.

Riascolta la puntata dal podcast di radiogolfodegliangeli<

Per la pubblicità su Radio Golfo degli Angeli contattaci allo 070.4615656

Tempi Supplementari su Radio Golfo degli Angeli: intervista con Andrea Abodi

Il futuro della serie cadetta e il nuovo stadio del Cagliari nell’intervista realizzata da me e Laura Puddu al presidente della Serie B Andrea Abodi e andata in onda durante “Tempi Supplementari” su Radio Golfo degli Angeli (lunedì 21 dicembre 2015)

Tempi Supplementari – Puntata 15

Il d.g del Sant’Elena Luca Meloni e il presidente dei Crusaders Cagliari, Emanuele Garzia ospiti della puntata numero 15 di Tempi Supplementari su Radio Golfo degli Angeli con Laura Puddu e Andrea Matta.

+++Per la pubblicità su Radio Golfo degli Angeli contattaci allo 070.4615656 +++

Sogni

Alle scuole elementari, le maestre ci facevano sempre la stessa domanda: “Cosa vuoi fare da grande?”. C’è chi rispondeva l’astronauta, chi il presidente della Repubblica, chi il calciatore. Io invece dicevo: voglio fare il presentatore. Forse perché mi è sempre piaciuto stare dentro quell’aggeggio che trasmetteva le immagini, forse perché ho sempre registrato le mie voci in una audiocassetta che ogni tanto riascoltavo, forse perché prendevo i giornali in giro per casa e facevo una rassegna stampa improvvisata con tanto di notizie sottolineate e inutile spreco di evidenziatori.
Secondo una mia amica (una di quelle a cui piacciono i numeri, i tarocchi, gli astri e tutte queste robe qui) in una mia vita precedente sono stato un conduttore, uno showman o una cosa molto simile.

Con il passare dal tempo, la domanda della maestra è diventata quella dei miei professori, degli amici, dei parenti, dei conoscenti e di tutte quelle persone che rincontrandomi chiedono: “ma tu, cosa vuoi fare da grande?”.
La mia risposta base è sempre la stessa: “Mah, vorrei fare qualcosa nel mondo della comunicazione”.
Il mio interlocutore resta perplesso e molte volte pensa: “Questo non ha voglia di lavorare!”

Secondo me, l’aspirazione di ogni essere umano è quella di realizzare i propri sogni.
Se non avessi incontrato delle persone che mi hanno dato e trasmesso fiducia, se nella scuola materna non ci fosse stato un palco, se l’aula magna della mia scuola superiore non avesse avuto un impianto per fare degli spettacoli non avrei potuto fare quello che più mi piace: divertire gli altri. Che si tratti di un locale con cento persone, di una piazza, di un programma in tv, di un fuoco di bivacco o di un piccolo paziente in una camera d’ospedale non cambia il mio modo di ridere, di scherzare, di far sentire gli altri protagonisti di una battuta, di uno scherzo, senza mai essere volgari e offensivi nei confronti dell’altro.

Ho sempre sognato di fare teatro, di stare su un palco, di sentire l’applauso e le risate del pubblico. Ho sempre sognato di parlare davanti a un microfono, in un vero studio radiofonico e di dire quello che pensavo con la mia voce o con quella di qualche altro personaggio.
Ho sempre sognato di stare davanti a una telecamera, vedere la lucina accendersi e parlare, parlare, parlare.
Ho sempre sognato di vedere il mio nome pubblicato su una rivista o su un giornale.
Ecco perché credo di essere davvero fortunato, perché sono riuscito a realizzare tutti questi piccoli sogni fino ad ora.
Adesso arriva la parte più difficile: confermarsi e reinventarsi
Spesso confermarsi è difficile e subentra una grande paura, quella di dover fare le cose sempre tutte uguali, sempre con lo stesso ritmo quasi come se si dovesse timbrare un cartellino.
Reinventarsi invece è l’arte dei giovani di oggi. Quelli che non hanno un lavoro e se lo inventano, quelli che pubblicano su YouTube il loro video con le loro canzoni con la speranza che qualche agente li noti , che scrivono il post su facebook o su twitter con la speranza che qualcuno li segua e si fanno mangiare dall’ansia della notifica e cosi se i nostri nonni avevano l’arte di arrangiarsi, noi abbiamo l’arte di webarrangiarci.

Per ora i miei sogni continuano. Ogni notte vado a dormire con una idea per un programma, per un personaggio, qualcosa da scrivere, con la speranza, un giorno, di poter realizzare anche questi nuovi desideri.

Ah, ogni tanto arriva la zia che non vedi da un po’ di tempo e ti dice: “E tui, sa piocca d’asi agattada?” (Trad. E tu la ragazza l’hai trovata?).
Ma questa è un’altra storia.

Andrea Matta, 6 novembre 2012.

RIFLESSIONI NATALIZIE: A NATALE FACCIAMO IL PUNTO

A Natale facciamo il punto. Si, facciamo il punto, senza entrare troppo nei dettagli, di tutte le cose che faccio da qualche mese a questa parte.

BLOG Partiamo da questo blog, nato un po’ per gioco, un po’ per una botta di egocentrismo ma che in alcuni casi è diventato una voce autorevole, soprattutto per i cittadini che voglio rimanere aggiornati sulle novità della città di Quartu. Grande successo per il racconto dei consigli comunali.
E’ incredibile quanto la gente si fidi di quello che legge su un blog o su un giornale, tanto da far si che molti protagonisti dei questi post sul consiglio mi chiedano dei chiarimenti <<Oh, ma che hai scritto sul blog? Ma io ho detto questo?>>, <<Cee, ma è vera questa notizia>>, etc etc.

Bello il blog, belli i social network, ma passiamo alla vita reale.

UNIVERSITA’ Può andare meglio. Pago gli errori di un quasi completo passivismo del primo anno Stiamo lavorando in attesa degli appelli di febbraio. Riparte il grande recupero.

RADIO Continua l’entusiasmante avventura con la radio e con Radio Golfo degli Angeli. Nuovi e vecchi progetti. Trovare il tempo per passare in radio a registrare i due programmi che scrivo e conduco, 91CAMPO, tutta farina “avariata” del mio sacco e TUTTI GIU’ PER TERRA con la grandissima Claudia “soldato”Sarritzu, è sempre una cosa facile. L’unico problema è avere qualche nuova idea, qualche nuova frase per poter sostituire quelle che uso abitualmente in ogni puntata. Due programmi diversi ma importanti. Nel primo, faccio la cosa che mi viene meglio: dire boiate con le voci di altri. Numeri alla mano, oltre sessanta personaggi in tre stagioni. Il secondo programma è nato quasi per caso.
C: <<Ti va di fare un programma sul lavoro in Sardegna?>>
A: <<Mah si, perché no>>
“Tutti giù per terra” è l’unico programma radiofonico che parla delle problematiche del lavoro in Sardegna, parlando di politica senza parlare di partiti, intervistando i protagonisti delle vicende.
Per chi non avesse mai sentito una puntata della nostra trasmissione, ecco la pagina dove sono raccolte tutte le puntate.

SCOUT – ABOS Nuovi impegni e nuove avventure. L’ingresso in Comunità Capi e l’impegno in reparto, mi porta via parecchio tempo ma se ben gestito e fatto con serenità e senza troppi stress, va bene. E’ stato un ritorno dato dal sentirsi in dovere di restituire qualcosa, quello che mi era stato dato nel mio cammino da educando.
Il rapporto con i ragazzi non è poi tanto difficile, un po’ come non lo è con i bambini.
Come ho scritto su Facebook, la frase che mi ha dato più soddisfazione durante quest’ultima e faticosa settimana è stata quella che ha detto la mamma di un bambino in cura al Microcitemico che al figlio più piccolo gli ha detto: <<Sai G. questo ragazzo fa ridere i bambini in ospdale>>. Piccole grandi soddisfazioni.

PROVINO LAPOLA Tutto è nato come un gioco.“Cerchiamo nuovi comici !”, perché non provarci. Detto, fatto. Ho cercato di portare al provino tutti i miei migliori personaggi, quelli fatti in tre anni di trasmissione, Pizzul, Galeazzi, Giurato, Mourinho, Raffa, Luzzi, Banfi e quelli che non fa nessuno, vedi Donadoni e, a detta di tutti, non è andata malaccio.
L’unica cosa certa, per ora, è stata l’ esordio in un locale cagliaritano con altri comici provenienti dai provini. Sarà stato l’esordio in un terreno sconosciuto, sarà stato il fatto di essere arrivato troppo carico e agitato e non è andata bene, secondo me. E’ stata una prova, ce ne saranno delle altre. A tutte le persone che mi hanno chiesto: <<Sei troppo bravo, mi hai fatto ridere. Ma ti hanno preso?>>, rispondo, che non so ancora come andrà a finire.
Di una cosa sono sicuro: è e resterà un gioco!!.
Per chi non avesse visto le mie prodezze televisive ecco i due link: dal sito di Videolina (si parte da 09.10) e la clip con la mia esibizione.

AMICI – FAMILY Family sempre presente, felice delle novità, anche televisive, di questi ultimi mesi, esattamente come gli amici e le persone che mi hanno fatto i complimenti per tutto quello che faccio. Ancora ricordo i 130 messaggi di buon compleanno su Facebook. Altre soddisfazioni.

Con tutte le cose che faccio, c’è poco tempo per fare altro, e allora, ecco il mio buon proposito per il nuovo anno: Una migliore gestione del tempo per non dover dire <<Non ce la faccio, non vedo quella persona, devo lasciare qualcosa per strada>>.

A proposito di tempo. Visto che dal 27 dicembre al 9 gennaio, starò a casa per due, tre giorni al massimo, uso questo post per farvi tanti auguri di Buon Natale e di un bellissimo 2011.

Ve lo dico sin da ora: ho il terrore degli sms con su scritto “tanti auguri a te e alla tua famiglia”, fin troppo freddi e delle cartoline natalizie, ma anche questo è Natale…

Auguri a tutti voi,

Andrea Matta
Quartu, 24 dicembre 2010.

(Per la pubblicazione di questo post su altri siti internet, su blog o su altri media, si prega di citare la fonte.   Grazie, Andrea Matta)

Presepe a casa Matta - Foto di Andrea Matta per andreamblog.wordpress.com